» Francia » Île-de-France » Parigi » Quartiere di Montparnasse a Parigi

La cosa migliore da fare a Parigi è passeggiare e immergersi nell’atmosfera storica delle famose strade. Una delle zone più speciali di Parigi è il quartiere di Montparnasse, dove è letteralmente nata la cultura artistica mondiale. Per cosa era rinomato Montparnasse, chi lo visitava e dove si può ancora sperimentare il suo fascino unico: leggete questo articolo. E se volete fare un affascinante tour del quartiere di Montparnasse a Parigi, prenotatelo subito a questo link.

Per cosa è famoso il quartiere di Montparnasse?

Il quartiere di Montparnasse a Parigi si trova sulla riva sinistra della Senna, nella parte meridionale della città, all’incrocio tra il 6° e il 14° arrondissement. Oggi è uno dei quartieri più tranquilli. Tuttavia, non è sempre stato così. Un tempo questo luogo era pieno di vita.

Fino al 1910, tutti gli artisti, gli scrittori e i filosofi si riunivano a Montmartre. All’epoca, questa famosa collina bohémien era ancora un sobborgo impopolare e di difficile accesso a causa del suo terreno collinare. Vivere lì era accessibile e questo era esattamente ciò di cui avevano bisogno gli artisti e gli interpreti in difficoltà. Tuttavia, Montmartre era lontana dal centro della città.

Come compromesso, i creativi scelsero Montparnasse. Questo quartiere era più vicino al centro, ma era ancora considerato un sobborgo e non era molto popolare. Gli appartamenti e i ristoranti erano accessibili, anche se leggermente più cari rispetto a Montmartre.

Uno dei primi a trasferirsi da Montmartre a Montparnasse fu Pablo Picasso. Il suo talento impressionò il pubblico e la critica, rendendolo rapidamente un uomo ricco. Altri seguirono l’esempio: Jean-Paul Sartre, Paul Cézanne, Alberto Giacometti, Ernest Hemingway, Salvador Dalì.

Montparnasse ospitava il famoso salotto di Gertrude Stein, dove questi individui creativi si riunivano e si ispiravano a vicenda. L’élite intellettuale formava uno speciale spirito di libertà che era molto apprezzato a Montparnasse. I ruggenti anni Venti sono considerati il «periodo d’oro» della storia del quartiere.

Oggi Montparnasse non è più l’epicentro della vita artistica, ma una piacevole passeggiata per le sue strade vi farà sicuramente assaporare quell’atmosfera eccezionale.

Come ha preso il nome il quartiere di Montparnasse?

Nel XVII secolo, il quartiere di Montparnasse era ancora un sobborgo. Sul sito del futuro boulevard, c’era un cumulo di rifiuti edili. Compagnie di studenti del Quartiere Latino venivano a leggere poesie dal contenuto reazionario da questa «montagna». Uno di loro la soprannominò scherzosamente Parnaso, dal nome della montagna greca dove risiedevano le muse.

Le attrazioni del quartiere di Montparnasse a Parigi

Il quartiere può essere di piccole dimensioni, ma vanta alcune attrazioni davvero notevoli!

Cimitero di Montparnasse

Il cimitero di Montparnasse a Parigi è il secondo cimitero più grande e più famoso dopo quello di Père-Lachaise. È stato fondato nel 1824 sul sito di un ex ospizio. All’epoca era un normale cimitero di periferia, non diverso dagli altri.

Alla fine del XIX secolo, il quartiere cominciò ad attrarre i poveri rappresentanti dell’«intellighenzia creativa»: scultori, artisti, poeti e scrittori. Molti di loro divennero famosi e il cimitero divenne l’ultima dimora di personalità rinomate, tra cui non solo filosofi e artisti, ma anche attori, politici, militari e scienziati. Tra questi ci sono:

  • Il poeta Charles Baudelaire
  • Lo scrittore Guy de Maupassant
  • Il compositore Camille Saint-Saëns
  • Lo scrittore Julio Cortázar
  • Il filosofo Jean-Paul Sartre
  • La scrittrice Simone de Beauvoir

Le lapidi di queste celebrità sono state realizzate da scultori di spicco, trasformando il cimitero in un museo a cielo aperto. La guardia all’ingresso principale può fornirvi un opuscolo e una mappa.

Oggi il cimitero occupa una porzione significativa del quartiere, apparendo più come una zona di parco che come un tradizionale luogo di sepoltura. Ci sono ampi sentieri, panchine e zone d’ombra.

Torre di Montparnasse

Volete scattare la foto più mozzafiato della Torre Eiffel? Allora dirigetevi subito alla Torre Montparnasse, alta 210 metri. Il 57° piano è caratterizzato da un ponte di osservazione aperto, mentre il 56° piano è chiuso da un vetro. La vista panoramica della città è particolarmente suggestiva di sera. I parigini potrebbero non trovare attraente la torre in sé e considerarla brutta, proprio come i loro sentimenti verso la Torre Eiffel. Attualmente la torre è in fase di ricostruzione per renderla visivamente più leggera, modificandone il suo look nero.

Prezzi dei biglietti:

Adulti — 19 €, visitatori dai 12 ai 18 anni — 14 €, bambini dai 4 agli 11 anni — 8 €.

È possibile acquistare i biglietti in anticipo utilizzando questo link.

Ristoranti storici a Montparnasse

Il ristorante più noto di Montparnasse è forse «La Rotonde». Tra gli ospiti illustri che hanno cenato qui figurano Coco Chanel (allora nota come Gabrielle Chanel), Amedeo Modigliani, Marc Chagall, Pablo Picasso, Diego Rivera, Federico Cantú, Peggy Guggenheim, Jean Cocteau. Non ci sarebbe abbastanza spazio sulle pareti per ospitare le targhe commemorative di tutti loro.

Il proprietario de La Rotonde era noto per il suo sostegno ai giovani artisti e spesso accettava i loro disegni e dipinti come garanzia o pagamento. Alcune opere di Modigliani e Matisse adornano ancora le sale del ristorante, trasformando un pasto a La Rotonde in un’esperienza museale.

La Brasserie «La Closerie des Lilas» era famosa come caffè letterario. I tavoli erano ornati da piatti con i nomi di scrittori famosi che amavano sedersi e lavorare lì. Essi firmavano persino le tovaglie di carta con i loro autografi. Ogni anno, La Closerie des Lilas assegna il premio omonimo per il miglior romanzo femminile.

Altri caffè di importanza storica sono «Le Dome», «La Coupole» e «Le Select». Sono tutti a pochi passi l’uno dall’altro. Oggi possono crogiolarsi nel loro antico splendore, perché molti turisti vengono a sedersi ai tavoli dove si è sviluppata la cultura artistica mondiale.

Catacombe di Parigi

L’attrazione più visitata e più oscura del quartiere Montparnasse di Parigi sono le catacombe. Ogni anno mezzo milione di persone scende nelle loro profondità. Questa cripta fu aperta nel XVIII secolo per trasferire le ossa dai vecchi cimiteri, poiché Parigi si stava espandendo e i cimiteri centrali non riuscivano ad accogliere la popolazione in crescita. Ora, a 20 metri di profondità sotto i piedi dei turisti, giacciono i resti di 6 milioni di parigini. Per aggiungere un ulteriore brivido, si consiglia di prenotare i biglietti in anticipo utilizzando questo link. Durante l’estate, la fila per entrare nelle catacombe può essere piuttosto lunga.

Museo Bourdelle

Qui risiedeva lo scultore Emile Antoine Bourdelle, talentuoso allievo di Rodin. La sua casa-museo, insieme al suo piccolo giardino, ospita numerose sculture in gesso, marmo e bronzo. Il museo conserva anche una piccola ma preziosa collezione di oggetti d’arte collezionati dallo stesso Bourdelle, tra cui opere del suo maestro Rodin, del pittore Eugène Delacroix e del pittore Auguste Ingres.

L’ingresso è gratuito.

Museo Zadkine

La vedova dello scultore russo Ossip Zadkine ha lasciato in eredità a Parigi la casa dove lei e il marito hanno vissuto dal 1928. La casa è stata anche lo studio di Zadkine, dove ha lavorato per quasi 40 anni. Il museo espone oltre 300 delle sue opere, insieme al giardino che le accompagna.

L’ingresso al museo e al giardino è gratuito. Solo le mostre temporanee sono a pagamento.

» Scopri di piùMusei gratuiti a Parigi

Fondazione Cartier per l’arte contemporanea

Spostiamo l’attenzione sul presente ed esploriamo la Fondazione Cartier, istituita dal celebre gioielliere francese nel 1994. Ha trovato la sua sede a Montparnasse e ospita mostre temporanee di arte contemporanea, tra cui pittura, fotografia, grafica, moda e videoarte.

» Scopri di piùIl Centre Pompidou

Rue de la Gaîté

Parigi non ha un quartiere teatrale dedicato come il West End di Londra o Broadway a New York; quindi, i teatri sono sparsi per la città. Rue de la Gaîté è uno dei pochi luoghi in cui si concentrano diversi teatri. Dagli anni ’70 del XIX secolo, è stata il fulcro delle arti dello spettacolo. Star del music-hall e interpreti leggendari, come Edith Piaf e Josephine Baker, hanno calcato i suoi palcoscenici.

Dove alloggiare nel quartiere Montparnasse di Parigi?

Se state cercando un buon posto dove alloggiare a Parigi per le vostre vacanze, il quartiere di Montparnasse è una buona opzione. Com’era cento anni fa, è confortevole e bello, e i prezzi sono un po’ più bassi rispetto ai quartieri centrali. A questo link troverete tutti gli hotel del quartiere Montparnasse. Ed ecco alcune ottime opzioni:

  • L’hotel boutique Hôtel Le M si trova in Rue de la Gaîté, vicino alla stazione ferroviaria e alla torre. Offre 61 camere in stile moderno. Un hotel piacevole con un buon servizio.
  • L’Hotel Lenox Montparnasse occupa un edificio costruito sotto il barone Osman. I suoi ospiti apprezzano le camere ben arredate, la professionalità del personale e la vicinanza alle principali attrazioni di Montparnasse.
  • L’Hôtel Odessa Montparnasse è uno dei migliori hotel economici della zona. Gli ospiti apprezzano gli interni luminosi e di buon gusto e i tradizionali balconi con vista sui tetti parigini.

Il leggendario quartiere di Montparnasse a Parigi è stato citato in molti libri e film. Assicuratevi di visitare questo luogo storico. È ancora bello come quando ha ispirato la creatività dei bohémien del XX secolo.